La Fitoterapia: come funziona

Fitoterapia: come funziona

La fitoterapia è una delle più antiche pratiche usate dall’uomo per curare i propri disturbi, se ne trovano tracce, difatti, in civiltà antichissime come quella degli egizi, degli indù, dei greci, dei cinesi, dei romani. Le sostanze usate nella fitoterapia sono moltissime e tutte completamente naturali, vengono raccolte nel loro periodo di maggiore efficacia chiamato “tempo balsamico”e poi trattate in modo da renderle utilizzabili esaltandone le proprietà curative. Molti farmaci sono versioni sintetiche degli estratti vegetali, cioè contengono principi attivi che sono derivati da un componente vegetale. Chiunque decida di impiegare i rimedi di fitoterapia, deve comunque tenere in considerazione il fatto che non sempre i prodotti naturali sono completamente innocui, ci possono essere rischi di iperdosaggi o di particolari controindicazioni, pertanto, è sempre bene rivolgersi ad un medico prima di farne uso.  Leggi tutto.

Antibiotico e fitoterapia a Roma

Antibiotico e fitoterapia

La  fitoterapia non si antepone all’uso di un antibiotico nella terapia, ma  promuove una riflessione su tutte le situazioni nelle quali si eccede in tale impiego. Un antibiotico è un farmaco  di sintesi in grado di uccidere batteri. Il termine antibiotico deriva dal greco e significa «contro la vita»,  intendendo ovviamente la vita dei batteri. Un antibiotico infatti è in grado  o di bloccare la proliferazione dei batteri o di eliminarli. In tal senso l’antibiotico può agir come batteriostatico  o battericida. L’ antibiotico non ha un effetto contro i virus, miceti o parassiti per i quali sono necessari altri generi di chemioterapici.

La storia dell’ antibiotico è connessa all’uso  di muffe e piante nella cura delle infezioni noto già in molte medicine tradizionali. Nell’antichità però  non si distingueva un principio attivo, ne era considerato un  vantaggio isolarlo e riprodurlo.  Le ricerche moderne  sull’antibiotico iniziarono con la scoperta casuale della penicillina nel 1928 da parte di Alexander Fleming.  Leggi tutto.

Health Radar e fitoterapia

Health Radar e fitoterapia

Health Radar consente di monitorare il paziente  in trattamento con fitoterapia tramite una integrazione di esami fisici e strumentali concepita per valutare la salute o la performance partendo dallo stile vita. L’applicazione Health Radar permette di integrare i risultati di una precisa intervista medica con i dati di tre esami strumentali: tomografia elettrolitica extracellulare Tomeex, analisi della composiizione corporea BIA-ACC e fotopletismogragia PPG. Health Radar visualizza in un unico grafico i parametri principali rilevati sul singolo paziente, integrandoli tra loro. Health Radar è ripetuto a intervalli regolari scansionati nel tempo consentendo di valutare un numero ingente di parametri tramite  un grafico semplice e immediato, Health Radar permette anche di sovrapporre le immagini derivanti dalla progressione del paziente o dello sportivo nel tempo. Questa procedura consente valutazioni significative sulla tendenza relativamente a salute e della performance.

  Leggi tutto.

ossidativo – stress ossidativo e fitoterapia

Ossidativo – stress ossidativo e fitoterapia

Nello stress ossidativo la fitoterapia interviene con rimedi capaci di contrastarne l’effetto avverso e privi di effetti collaterali significativi. Gli antiossidanti sono rimedi in grado di neutralizzare l’eccesso di radicali liberi presenti in determinate circostanze nell’organismo e determinanti per lo stress ossidativo. Lo stress ossidativo è da considerare sopratutto perchè coinvolto nell’induzione di numerose patologie. I radicali liberi sono molecole che si formano all’interno delle cellule del corpo, quando l’ossigeno è utilizzato nei processi metabolici. I radicali liberi sono culminanti i processi di ossidazione sono particolarmente instabili e aggressivi determinanti nello stress ossidativo.

Il loro comportamento nell’organismo e proteso a ricercare un equilibrio appropriandosi dell’elettrone di altre molecole con le quali vengono a contatto, molecole che diventano a loro volta instabili, innescando un meccanismo vizioso per molte patologie. Queste reazioni chimiche denotate da instabilità a “catena” possono durare nel tempo e meritano di essere contrastate dall’azione degli agenti antiossidanti.  Leggi tutto.