Dieta e Fitoterapia

Dieta e Fitoterapia

I rimedi di fitoterapia impiegabili durante una dieta sono un valido ausilio terapeutico, soprattutto per i limitati effetti collaterali. Per dieta non si intende un programma alimentare volto solo al dimagrimento. Oggi è ormai documentato come l’eccesso di peso possa influire negativamente sulla salute e contribuire all’evolversi di patologie anche gravi, quali quelle cardiovascolari o il diabete; l’eccesso di peso aumenta i fattori di rischio cardiovascolare, può determinare o aggravare l’ipertensione, le dislipidemie, le patologie dell’apparato osteo-articolare, malattie metaboliche e malattie respiratorie. Molta importanza ovviamente sta nella corretta valutazione di un peso forma e soprattutto nel valutare attentamente la composisizione corporea delle masse, quindi l’attenzione non và solo al peso indicato dalla bilancia ma anche e soprattutto, alla valutazione strumentale delle masse: la massa grassa FM e la massa magra FFM. E’ opportuno tenere conto anche dell’idratazione e dell’equilibrio acido-basico dell’organismo prima di intraprendere una dieta.  Leggi tutto.

Cellulite e Fitoterapia

Cellulite e Fitoterapia

I rimedi di fitoterapia per il trattamento della cellulite sono un valido ausilio terapeutico, soprattutto per i limitati effetti collaterali. La cellulite o più correttamente denominata pannicolopatia edematofibrotica  è una alterazione di valore prettamente estetico nel tessuto sottocutaneo.  Tale alterazione è caratterizzata da  una ipertrofia delle cellule adipose e dall’accumulo  di acqua nello spazio extracellulare.  Il sistema venoso e linfatico è rallentato determinando una ritenzione  e ristagno di liquidi da parte dei tessuti. Le cause  della cellulite si distinguono in  primarie e secondarie.  Le cause primarie sono indipendenti dalla condotta nella vita come le cause genetiche l’appartenenza a un gruppo etnico,  l’appartenenza al sesso femminile, il clima ambientale, la familiarità. Le cause secondarie sono invece in parte dovute  alle abitudini e  allo stile di vita.  Aggravano o causano la cellulite: la cattiva alimentazione, ripetere le diete, la sedentarietà, l’abuso di farmaci, lo stress, alcune malattie croniche sopratutto quelle con implicazioni ormonali, la postura e l’abbigliamento.  Leggi tutto.

Addome e fitoterapia

Addome e fitoterapia

La riduzione dell’ addome è un frequente problema per il quale il paziente richiede rimedi di fitoterapia, soprattutto per i limitati effetti collaterali. L’ addome è una la risposta biologica caratterizzata dall’aumento della circonferenza addome è in relazione a svariate condizioni o patologie, ognuna per motivi diversi culminante in un aumento dell’ingombro addominale.

Per molti secoli precedenti all’attuale però questa stessa dimensione di addome non era considerata con allarme dalle persone, ma rappresentava uno dei segni del benessere sociale e nutrizionale. La forte riduzione del problema della fame nel secolo scorso, peraltro solo in alcune parti del globo e il mutato senso estetico, hanno trasformato totalmente la percezione del paziente difronte allo specchio e la valutazione del suo addome.  Leggi tutto.

Massa magra e fitoterapia

Massa Magra e fitoterapia

Per la massa magra i rimedi di fitoterapia sono relativamente all’alterazione degli acidi grassi a livello metabolico e nel riequilibrio all’insulino-resistenza. La massa magra è salute e pertanto è necessario contrastare la perdita  oltre un livello fisiologicamente accettabile. La massa magra non implica conseguenze solo sulla capacità di svolgere funzioni meccaniche, ma determina anche la perdita di capacità metaboliche è infatti un colatore sia nell’inabilità che nella malattia.

Nella massa magra, sono i muscoli a costituire la principale riserva di glicogeno e di potassio. La riserva di energia il sistema immunitario e per tutte le altre attività biologiche è pertanto in relazione alle corrette proporzioni di massa magra. La sua  mancanza determina inoltre un’alterazione della termoregolazione con intolleranza sia al freddo sia al caldo, ed è associata al diabete tipo II. La  perdita di massa magra è dovuta sia a una diminuzione  come valore assoluto di massa muscolare, sia a una diminuzione della sua forza ed efficienza, fenomeni in parte indipendenti.  Leggi tutto.

Sovrappeso e fitoterapia

Sovrappeso e fitoterapia

Per il trattamento del sovrappeso  i rimedi di fitoterapia sono un valido ausilio terapeutico, soprattutto per i limitati effetti collaterali.Il trattamento del sovrappeso richiede come prima tappa una diagnostica accurata per inquadrare l’eventuale presenza di una malattia che lo determina. Una patologia metabolico endocrina necessita di un trattamento medico specifico oltre la dieta. Quando il sovrappeso fosse il risultato di una condotta alimentare non equilibrata, la nutrizione clinica diviene una metodica consigliabile insieme con la quale può, in certi casi essere determinante l’agopuntura. La nutrizione clinica si distingue dalle diete in parte diffuse dai mass media e troppo spesso improvvisate dai pazienti. Una dieta per  il sovrappeso non indicata da un medico è spesso causa di disturbi piuttosto che strumento di salute. L’abbattimento di peso per il paziente con sovrappeso deve avvenire prevalentemente dalla massa grassa e non dalla massa magra espressa dal paziente. La massa magra è infatti preziosa e costituisce la vita stessa anche per  chi è in  sovrappeso.  Leggi tutto.

Ritenzione idrica e fitoterapia

Ritenzione idrica e fitoterapia

I rimedi di fitoterapia per il trattamento della ritenzione idrica sono un valido ausilio terapeutico, soprattutto per i limitati effetti collaterali.  La ritenzione idrica è l’aumento patologico dei volumi idrici corporei nello spazio intracellulare, extracellulare o in entrambi. Generalmente prevale la ritenzione in ambiente extracellulare a causa dell’alto tenore di sodio che caratterizza l’alimentazione moderna. La ritenzione può essere circoscritta, per esempio agli arti inferiori o a parti degli stessi. In altri casi può essere generalizzata e impegnare tutto l’organismo. Nel secondo caso, prima di un’evidenza clinica, devono accumularsi diversi litri di liquidi e per questo motivo l’aumento di peso corporale è uno dei primi sintomi i percepiti. Quando la ritenzione interessasse in modo massiccio tutti i distretti corporei, il termine tecnico è anasarca. Nell’organismo sano la pressione idrostatica, che tende a determinare la fuoriuscita di liquidi dai capillari, è controbilanciata in direzione opposta dalla pressione osmotica.  Leggi tutto.