Cellulite e Fitoterapia

Cellulite e Fitoterapia

I rimedi di fitoterapia per il trattamento della cellulite sono un valido ausilio terapeutico, soprattutto per i limitati effetti collaterali. La cellulite o più correttamente denominata pannicolopatia edematofibrotica  è una alterazione di valore prettamente estetico nel tessuto sottocutaneo.  Tale alterazione è caratterizzata da  una ipertrofia delle cellule adipose e dall’accumulo  di acqua nello spazio extracellulare.  Il sistema venoso e linfatico è rallentato determinando una ritenzione  e ristagno di liquidi da parte dei tessuti. Le cause  della cellulite si distinguono in  primarie e secondarie.  Le cause primarie sono indipendenti dalla condotta nella vita come le cause genetiche l’appartenenza a un gruppo etnico,  l’appartenenza al sesso femminile, il clima ambientale, la familiarità. Le cause secondarie sono invece in parte dovute  alle abitudini e  allo stile di vita.  Aggravano o causano la cellulite: la cattiva alimentazione, ripetere le diete, la sedentarietà, l’abuso di farmaci, lo stress, alcune malattie croniche sopratutto quelle con implicazioni ormonali, la postura e l’abbigliamento.  Leggi tutto.

Sport e fitoterapia

Sport e fitoterapia

La fitoterapia può essere impiegata da colui che pratica sport di ogni tipo e per i più disparati motivi.  Ci si può rivolgere alla fitoterapia per aumentare la sopportazione della fatica fisica, la resistenza durante la sessione di allenamento, il miglioramento della performance. I rimedi di fitoterapia sono caratterizzati da una buona tollerabilità e dalla compatibilità con l’etica sportiva. L’impiego di fitoterapia nella realtà dello sport può essere di aiuto nella fase preparatoria, in quella di accompagnamento e in quella di recupero, oltre che nella eventuale  gestione dei traumi  anche in accompagnamento ad altre terapie. La fitoterapia prevede l’utilizzo di piante o estratti di piante per la cura delle malattie e per il mantenimento del benessere.

La fitoterapia è l’approccio più antico di pratica terapeutica umana dopo l’imposizione delle mani. L’applicazione di fitoterapia è presente in tutte le grandi civiltà del passato. La fitoterapia moderna  trae spunto dal suo passato, ma si avvale di tutti gli strumenti di validazione usati dalla medicina.

  Leggi tutto.

Reflusso e fitoterapia

Reflusso e fitoterapia

La fitoterapia risulta utile nella cura del reflusso esofageo, per tamponare l’eccesso di acidità e l’eccessiva produzione di acido cloridrico. I rimedi di fitoterapia sono dei validi ausili sintomatici e curativi. Il reflusso gastroesofageo è una malattia causata dalla fuoriuscita nell’esofago del contenuto acido dello stomaco. Il reflusso può determinare nell’esofago lesioni infiammatorie  di diversa intensità e gravità.  L’acido cloridrico che viene a contatto in questo modo con la mucosa dell’esofago provoca l’esofagite. Col tempo l’infiammazione può evolvere in danni al tessuto dell’esofago, sotto forma di erosioni, piccole ulcere o degenerazioni. Tenendo presente che il tempo di svuotamento gastrico il reflusso è tale se si manifesta oltre il tempo dovuto.  Le cause del reflusso possono essere le malattie delle stomaco, del cardia, la valvola che separa stomaco da esofago e l’eccessiva produzione di acido. Anche in seguito all’assunzione di sostanze stimolanti o farmaci si può osservare  il reflusso gastroesofageo.  Leggi tutto.

Sonno e fitoterapia

Sonno e fitoterapia

Nei disturbi del sonno, come trattamento  è utile considerare la fitoterapia avvalendosi di rimedi  generalmente privi di effetti collaterali indesiderati. La sofferenza emotiva e corporale del paziente sono per la medicina non convenzionale diverse espressioni di una unica condizione umana, I disturbi del sonno sono caratterizzati dall’impossibilità di addormentarsi o di mantenere il sonno durante la notte. Le vari disfunzioni del sonno determinano l’incapacità di recuperare le forze tramite il sonno stesso e nel tempo una serie di disturbi neurovegetativi o persino somatici.  A volte una alterazione del sonno è la risposta corretta a una situazione di emergenza. Se però un sonno sospeso continua per più di alcune notti di seguito senza la soluzione di un’emergenza reale, il disturbo può divenire cronico e causare un deficit nocivo per la salute.  Leggi tutto.

Allume di potassio – Prodotti chimici – Fitoterapia

Allume di potassio – Prodotti chimici – Fitoterapia

Il solfato doppio di alluminio e potassio dodecaidrato più noto come allume di potassio o allume di rocca è un sale di Alluminio e Potassio dell’acido solforico; a temperatura ambiente è solido incolore ed inodore. Conosciuto e impiegato fin dall’antichità nella concia delle pelli, nella tintura della lana come fissativo del colore, sulle pergamene per agevolare la scrittura con l’inchiostro e nella produzione del vetro. Anche in medicina trovava gia impiego come emostatico. Nel medioevo la Repubblica di Genova ne aveva il monopolio, grazie alle sue colonie in Anatolia dove si trovavano grossi giacimenti minerari. In natura si trova l’alunite, un solfato basico di potassio ed alluminio. In Italia vi sono importanti giacimenti nei Monti della Tolfa scoperti nel 1462 nel comune di Allumiere e rimasti in uso più o meno fino al 1941. Altre cave di allume si trovano a Montioni, vicino Follonica.  Leggi tutto.

Formaldeide – Fitoterapia – Prodotti chimici

Formaldeide – Prodotti chimici – Fitoterapia

La formaldeide o aldeide formica (nome IUPAC metanale) è la più semplice delle aldeidi anche commercialmente nota con il nome di formalina. Le sue soluzioni acquose sono incolori e posseggono un odore caratteristico. La formaldeide in soluzione acquosa reagisce facilmente con l’ossigeno dell’aria, che la ossida ad acido formico.

La formaldeide è un potente battericida, infatti sotto forma di soluzioni acquose trova impiego come disinfettante per uso domestico e nella produzione di tessuti a livello industriale come battericida. Soluzioni di aldeide formica vengono anche utilizzate per conservare campioni di materiale biologico. Trova impiego anche nelle tecniche di imbalsamazione.

Utilizzata in soluzione acquosa (formalina) per la produzione di vaccini o per produrre anatossine (tossine che perdono la tossicità ma mantengono la immunogenicità) a partire da tossine batteriche, per produrre vaccini basati su microrganismi inattivati. Per la maggior parte la produzione di formaldeide è destinata alla produzione di polimeri e altri composti chimici.  Leggi tutto.